3° Edizione Corso di perfezionamento giuridico/sanitario per tatuatori

Dopo il successo della prima e della seconda edizione riproponiamo questo Interessantissimo e molto utile Corso

Il Tatuatore è spesso esposto a gravi rischi legali senza saperlo o crede di essere al sicuro perché confida nelle proprie capacità, nella qualità del servizio offerto e nella fiducia, da parte dei clienti, che ha saputo conquistarsi negli anni.

Da qualche anno il tatuaggio si è estremamente diffuso non solo al livello di business ma sopratutto a livello sociale. Questo vuol dire che è sempre più difficile trovare persone di un età compresa tra i 15 e i 45 anni che pensano che il tatuaggio sia da “galeotti” o da “criminali”. Chi non si tatua non lo fa perché non gli piace, ha paura o non gli interessa. Quindi, con rarissime eccezioni, il tatuaggio è una pratica non normale ma piuttosto comune che non si ammanta più di quell’aurea di trasgressione e clandestinità che la caratterizzava fino a pochi anni fà.

In ragione di questo, anche la figura del tatuatore, pur rimanendo affascinante, non è più “romanticamente temuta” come prima per cui il cliente, che ora può avvalersi di fonti di informazioni variegate e diversificate nell’affidabilità, è più consapevole di quello che vuole o meglio di quello che  PRETENDE in quanto PAGA. D’altra parte il tatuatore non è sempre adeguatamente formato sulle proprie responsabilità civili e penali nei confronti del cliente e spesso è convinto che quello che fa sia ineccepibile e inattaccabile. Eppure molti tatuatori usano vaselina, oppure i flaconi dei loro colori non hanno l’etichetta in italiano, oppure usano acqua potabile per diluire i neri, oppure usano pennarelli a base di alcol per il “freehand”, oppure usano anestetici e consigliano pomate per la cura del tatuaggio.

Questo ha comportato un aumento delle denunce da parte di clienti scontenti per varie ragioni i quali chiedono risarcimenti anche cospicui per tatuaggi realizzati male o che hanno avuto conseguenze sanitarie più o meno gravi.

Se il cliente trascina in tribunale il tatuatore, questo ha pochissimi strumenti per difendersi da un’accusa, per esempio di infezione causata da un lavoro igienicamente scorretto.
La certezza che il cliente non possa dimostrare che il tatuaggio sia stato eseguito dal tatuatore accusato e in realtà una leggenda che esporrebbe il tatuatore a controlli e verifiche, anche fiscali, molto più accanite da parte della vigilanza relativamente coinvolta.

Lo scopo di questo corso è quello di insegnare a strutturare il proprio lavoro seguendo delle procedure standard controllate e verificabili che, se eseguite correttamente fino in fondo, smonterebbero logicamente qualsiasi accusa da parte del cliente che dovesse lamentare un’infezione post tatuaggio o un risultato indesiderato.

Durante il corso, in collaborazione con lo Studio Legale Bonaviri di Arezzo, verranno spiegate tutte le procedure di lavoro a partire dal colloquio che il tatuatore ha con il cliente al momento dell’accordo per il tatuaggio;
Verrà chiarito come e cosa deve dire il tatuatore e cosa deve lasciar scritto al cliente;
Verrà consegnato un adeguato modulo base per segnare l’appuntamento, il quale conterrà una serie di informazioni che il tatuatore è obbligato a fornire al cliente molto prima del giorno del tatuaggio.
Si spiegherà come deve essere allestito il banco in un ottica di responsabilità civile e penale;
Quando e in che modo deve essere “somministrato” il consenso informato;
Come deve procedere il tatutore durante l’esecuzione del tatuaggio sempre in u ottica di inattaccabilità legale;
Si spiega quale tipologia di assistenza post-tatuaggio il tatuatore è tenuto ad offrire al cliente;
Come gestire i consensi informati raccolti.

Sono previsti molti momenti di esercitazione per famigliarizzare con le procedure spiegate.

Il corso dura 8 ore e costa 200€+iva ed è richiesta una iscrizioni compilando il modulo scaricabile in pdf e da inviare a: lacavernadelletorture@gmail.com

Il corso è rivolto a tutti i tatuatori professionisti che lavorano ufficialmente presso uno studio autorizzato o ne sono i titolari.

Il corso si terrà presso i locali de “La Caverna delle Torture Tattoo Studio” – via della Chimera 92 – 52100 Arezzo. tel: 057 535 1710. in caso il numero dei partecipanti superi la capacità dei locali verrà comunicata altra sede.

programma 03

iscrizione giuridico-sanitario 03

Giu, 14, 2017

  News

0

SHARE THIS